Forse vi siete già imbattuti in questa frase: “Convettori e radiatori sono uguali, ma non il contrario”. Ma cosa significa? Il calore deve essere prodotto in assenza di un radiatore o viceversa? Questo articolo farà luce sulle risposte a queste domande, in modo che possiate prendere una decisione informata sulle vostre esigenze di riscaldamento.

Per cominciare, è importante notare che un convettore non è in alcun modo simile a un radiatore: il primo produce calore per conduzione, mentre il secondo utilizza un concetto chiamato radiazione. Quello che fanno i convettori è che permettono al calore di un oggetto caldo di irradiare calore in uno più freddo, riscaldando così lo spazio tra i due. Anche se questo può sembrare acqua fredda su una stufa, è molto più efficiente del trasferimento di calore attraverso una piastra o attraverso fili metallici. Oltre a questo, i convettori richiedono una fonte di alimentazione, a differenza dei radiatori, che spesso possono esaurire la potenza. Nel momento in cui di fatto si dà uno sguardo al costo del termoconvettore, dovete anche ricordarvi del fatto che la maggior parte dei sistemi oggi sono costituiti da tutta una serie di pezzi più piccoli che lavorano insieme tra di loro al fine di rendere efficace il flusso stesso di materiali durante qualsiasi processo di produzione. Il processo di produzione dei materiali durante la fase di scelta dei termoconvettori è senza dubbio molto importante in varie occasioni e circostanze particolari e al suo interno può includere di fatto qualsiasi cosa, ad esempio dalle polveri e dagli oli, passando anche ad esempio attraverso varie viscosità e temperature, tenendo conto tra le altre cose ad esempio anche il movimento delle camme a manovella e dei vari cuscinetti che compongono la struttura del termoconvettore nel suo complesso.

I radiatori, invece, sono progettati per trasferire il calore da un’area all’altra. Funzionano in modo molto simile a una ventola in quanto diffondono il calore intorno, ma in modo diverso. Poiché i radiatori hanno bisogno di trasportare aria calda da un luogo all’altro, spesso finiscono per intasarsi con sporcizia e detriti. Inoltre, i radiatori tendono a utilizzare più combustibile rispetto ai convettori, che possono costare fino a 200 euro in più all’anno. I convettori sono quindi una scelta più economica per chiunque cerchi di ridurre i costi di riscaldamento, così come per chiunque abbia bisogno di una forma pura di calore.

Per approfondire l’argomento visita pure l’articolo seguente www.sceltatermoconvettori.it.